area riservata
  
   cerca
 
 
 
martedì 3 e mercoledì 4 maggio 2016
mercoledì 4 e giovedì 5 maggio 2016
martedì 10 e mercoledì 11 maggio 2016
 
25/03/2016
23/03/2016
29/02/2016
 
     
 
 
Articoli da 1 a 1 su 1

LE NORME

La consulenza CESAP è rivolta all’implementazione dei sistemi di gestione aziendali, ai fini della certificazione in base alle seguenti norme:

 

UNI EN ISO 9001: 2015

  • È la nuova quinta edizione delle norme sulla qualità, emessa a settembre 2015 nello spirito ISO di elevare ogni volta il livello dei requisiti richiesti per la soddisfazione del cliente; questa nuova edizione era attesa ormai da alcuni anni visto che la precedente revisione del 2008 aveva solo ritoccato alcuni requisiti della ISO 9001 edizione dell'anno 2000.
  • Tante le conferme (ad esempio l'approccio per processi e il ruolo sempre più centrale della Direzione) ma molte le novità di questa edizione: innanzitutto la "High Level Structure", una struttura comune per tutte le norme di gestione (qualità, ambiente e sicurezza) e voluta dall'ISO per fornire una matrice univoca a partire dall'indice delle norme e favorire i sistemi di gestione integrata. L'analisi del contesto e la determinazione dei requisiti delle parti interessate sono due delle altre novità di questa recente edizione e costringono ulteriormente l'azienda a esaminare le esigenze di qualità dovute al contesto in cui opera, le esigenze della clientela ma anche delle altre parti interessate (azionisti, dipendenti, collettività...). Grande l'innovazione anche in tema di "documentazione" visto che sparisce l'obbligo del manuale qualità e delle procedure documentate, novità che richiede tuttavia un'attenta analisi per garantire la continuità del sistema qualità e delle necessarie informazioni e registrazioni.
  • Il "risk based thinking" il nuovo approccio che caratterizza le nuove norme (qualità, ambiente e sicurezza) nella logica che solo l'azienda che è più capace nel prevenire e affrontare i rischi e le opportunità che le si presentano sarà vincente. Il concetto supera le tradizionali (e sottostimate) azioni preventive prevedendo una logica aziendale interamente volta all'analisi e alla prevenzione dei rischi.
  • Prosegue quindi il cammino delle organizzazioni con un sistema qualità certificato (circa 150 mila solo in Italia) verso l'obiettivo della soddisfazione del cliente e verso il miglioramento continuo grazie a questa famiglia di norme che tanto hanno contribuito alla crescita della cultura della qualità in Italia e nel mondo.
  • Tutte le aziende che posseggono un Sistema Qualità certificato in base alla precedente edizione della ISO 9001 hanno l’obbligo di aggiornare la certificazione – nel caso vogliano mantenerla, visto che si tratta comunque di norme volontarie – alla nuova norma UNI EN ISO 9001: 2015 entro il 15 dicembre 2018 (quindi entro 3 anni dall'uscita dell'attuale nuova edizione), visto che dopo tale data non potranno più esistere altre certificazioni della qualità.
  • CESAP può assistere le aziende già certificate o quelle che per la prima volta intraprendono il cammino verso la certificazione con una consulenza mirata, competente nelle problematiche del settore e nel contesto delle imprese trasformatrici delle materie plastiche, al fine di creare un sistema qualità davvero personalizzato e volto alla garanzia del raggiungimento degli obiettivi di miglioramento prefissati.

UNI EN ISO 14001: 2015

  • Rappresenta l’unico standard internazionale per la certificazione del sistema di gestione ambientale, visto che il regolamento EMAS nasce da una direttiva comunitaria e ha quindi una valenza solamente europea.
  • Anch'esso è stato aggiornato nell'attuale edizione in data 15 settembre 2015 e adotta la stessa impostazioni prima descritta per la ISO 9001: "High Level Structure", analisi dl contesto (argomento peraltro già affrontato nelle Analisi Ambientali) e il coinvolgimento delle parti interessate. Il "risk based thinking" era già permeato nel concetto di gestione ambientale, visto che il controllo e la minimizzazione dei propri impatti ambientali è sempre servito proprio a garantire il rispetto della legislazione obbligatoria e a scongiurare il rischio di incidenti ambientali, di sanzioni ecc.
  • Se è vero che la certificazione ambientale non ha trovato una così ampia diffusione in Italia (sono poco più che 20 mila le aziende certificate, paragonate alle 150 mila sulla qualità), per la nostra proverbiale indifferenza al rispetto dell’ambiente e delle leggi cogenti esistenti in materia, ben diverso è l’approccio nei paesi del nord Europa, dove il loro numero è a volte perfino maggiore di quelle certificate ISO 9001.
  • Tutte le aziende che posseggono un Sistema di gestione Ambientale certificato in base alla precedente edizione della ISO 14001 hanno l’obbligo di aggiornare la certificazione – nel caso vogliano mantenerla, visto che si tratta comunque di norme volontarie – alla nuova norma UNI EN ISO 14001: 2015 entro il 15 dicembre 2018 (quindi entro 3 anni dall'uscita dell'attuale nuova edizione), dal momento che dopo tale data non potranno più esistere altre certificazioni ambientali.
  • CESAP può assistere le aziende già certificate o quelle che per la prima volta intraprendono il cammino verso la certificazione con una consulenza mirata, competente nelle problematiche del settore e nella legislazione applicabile al fine di creare un sistema di gestione ambientale davvero personalizzato, conforme alle leggi e in grado di garantire il raggiungimento degli obiettivi di miglioramento prefissati.

CESAP è inoltre in grado di effettuare verifiche ispettive in azienda in base alla norma

 

UNI EN ISO 19011: 2012

  • Nata per sostituire i precedenti standard per le verifiche ispettive, la ISO 10011-1/2/3: 1990 (o EN 30011), relativa alle verifiche sull’applicazione dei sistemi qualità e le UNI EN ISO 14010, 14011 e 14012 del 1996 riferite alle verifiche sui sistemi di gestione ambientale.
  • Tali verifiche ispettive permettono alle aziende di:
    • rispettare il requisito delle verifiche ispettive interne, obbligatorio per le aziende con un Sistema Qualità certificato, e spesso viziato dall’impossibilità, per il responsabile della qualità, di verificare le aree in cui possiede responsabilità dirette
    • poter beneficiare di un punto di vista esterno, più obiettivo ma comunque calato nelle problematiche specifiche del settore
    • migliorare il proprio Sistema Qualità individuando e correggendo per tempo vizi del Sistema e situazioni non conformi prima che questi stessi vengano rilevate altrimenti (nella peggiore delle ipotesi dall’Istituto di certificazione o dai clienti).

CESAP srl Consortile – Sede legale: via Vienna 56 – 24040 Verdellino/Zingonia (BG) – tel 035 884600 – fax 035 884431 – e-mail: info@cesap.com
Codice fiscale/Partita IVA IT01011200167 – Capitale Sociale  interamente versato 97.500 euro – Registro Imprese Bergamo IT01011200167 – REA Bergamo 209967